Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Spadoni (M5S): «I cittadini pagano per scelte sbagliate»

CAMPEGINE. Anche Maria Edera Spadoni, deputata del Movimento 5 Stelle, torna sull’incremento dell’aliquota Irpef a Campegine, aumentata dall’amministrazione per il mancato introito dell’Imu da...

CAMPEGINE. Anche Maria Edera Spadoni, deputata del Movimento 5 Stelle, torna sull’incremento dell’aliquota Irpef a Campegine, aumentata dall’amministrazione per il mancato introito dell’Imu da Coopsette.

A tre giorni dall’approvazione in consiglio comunale (nel corso di un’assemblea molto partecipata), il tema continua a far discutere. «Il primo cittadino Pd di Campegine Paolo Cervi – scrive la Spadoni in una nota – dichiara di esser costretto ad aumentare l’Irpef ai cittadini in seguito a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPEGINE. Anche Maria Edera Spadoni, deputata del Movimento 5 Stelle, torna sull’incremento dell’aliquota Irpef a Campegine, aumentata dall’amministrazione per il mancato introito dell’Imu da Coopsette.

A tre giorni dall’approvazione in consiglio comunale (nel corso di un’assemblea molto partecipata), il tema continua a far discutere. «Il primo cittadino Pd di Campegine Paolo Cervi – scrive la Spadoni in una nota – dichiara di esser costretto ad aumentare l’Irpef ai cittadini in seguito al congelamento dei debiti della cooperativa Coopsette. Non solo, ma Cervi sostiene che il focus del problema non sia l’aumento delle aliquote, ma piuttosto la situazione in cui versano i lavoratori di questo grande colosso coinvolto, non dimentichiamo, nell’inchiesta Tav di Firenze e altre inchieste. Ora – scrive la deputata 5 Stelle – la situazione dei lavoratori non è assolutamente da sottovalutare, ma non mi sembra corretto aggirare la problematica in questo modo, che suona come un ricatto occupazionale. In realtà la situazione concreta è che sarà aumentato l’importo dell’addizionale comunale Irpef allo 0,7% a tutti i cittadini».

«I cittadini come sempre – conclude la deputata reggiana – sono costretti a pagare per scelte sbagliate e la malagestione aziendale di altri. Il sindaco, quando dichiara “anche con questa manovra a dire il vero copriremo solo in parte la mancanza di quella entrata”, pare già mettere le mani avanti. Non resta che chiederci allora, a quando sarà il prossimo aumento di imposte locali».