Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Quindici piatti da mangiare almeno una volta nella vita a Reggio Emilia

Gnocco fritto, risotti, bolliti e zuppa inglese: quali sono i quindici piatti “must” da provare a Reggio e provincia? Ecco le nostre proposte, ora aspettiamo le vostre...

REGGIO EMILIA. Quindici cose da mangiare a Reggio Emilia e dintorni. Gli immancabili, quei cibi che non possono mancare nella collezione culinaria di ogni reggiano e degli amanti della buona tavola. Visto che siamo in Emilia, dieci piatti erano... un po' pochini. Per questo, ne abbiamo scelti quindici. Quali sono i "must" della gastronomia reggiana? Ecco le nostre proposte, che non vogliono essere una classifica, ma solo un elenco di idee da condividere con voi. Utilizzate lo spazio commenti qui sotto per dirci le vostre.

MAPPE: le nostre proposte, le vostre segnalazioni

Per visualizzare la mappa a tutto schermo, CLICCATE QUI

L'antipasto di salumi misti all'Osteria in Scandiano

L'importante è la scelta del prodotto, bisogna conoscere l'allevatore e sapere che tipo di alimentazione fornisce ai suoi maiali. Poi non c'è bisogno di ricercare cose strane: salame, prosciutto e mortadella sono un modo super per iniziare una cena, magari in un bel luogo come all'Osteria di Scandiano, vicino alla Rocca.

L'erbazzone, quello "vero"

La domenica avete amici a cena oppure non avete voglia di cucinare? No problem, andate nel più vicino centro sociale e comprate qualche decina di pezzi di gnocco fritto. Con il salume metterete in tavola un piatto unico che manderà tutti a letto soddisfatti.

Il Parmigiano Reggiano con gocce d'aceto balsamico

La reggianità fatta e finita. Il carrello dei bolliti è la portata che il turista ci invidia. Ovvio è che per essere buono il carrello deve essere sempre rifornito. Il Canossa di via Roma deve la propria fama anche al carrello, accompagnato da mostarda e dalle famose e colorate salse.
 

Gli arrosti vari dell'osteria di Ghiarole

Fantastica invenzione reggiana anche qui con ingredienti a chilometro zero. I segreti sono due: prima del forno lasciar riposare a lungo il composto in modo far formare la crema di latte sopra il riso ed essere generosi con il sassolino. Tanti forni la propongono, pochi purtroppo i ristoranti.

Manca qualche piatto? Non siete d'accordo con le nostre scelte? Scriveteci qui sotto, nella pagina dei commenti - E boun aptì!

TUTTLE VOSTRE CONTRO-PROPOSTE: CLICCA QUI

Qui sotto, il post su facebook con una nutrita serie di suggerimenti e integrazioni: cliccate sul "fumetto" sotto la foto per leggere i commenti