Menu

’Ndrangheta, maxi blitz all’alba
I carabinieri arrestano 13 persone

Dalle

5 di questa mattina è in corso un’operazione nelle province di Reggio, Bologna e Modena per eseguire 13 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 13 persone ritenute legate alle cosche Arena e Nicosia di Isola Capo Rizzuto. Sequestrati  beni per un valore di circa 13 milioni di euro

REGGIO EMILIA

Più di 250 carabinieri, con l’aiuto di unità cinofile ed elicotteri dell’Arma sono impegnati, dalle 5 di questa mattina, in una maxi operazione contro la ’ndrangheta. I militari dei nuclei investigativi di Reggio, Bologna e Modena, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Bologna, stanno dando esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Bologna nei confronti di 13 persone, di cui sette in carcere e sei ai domiciliari.

Nel Reggiano, in particolare, l'operazione si è svolta tra Guastalla, Gualtieri e Santa Vittoria, dove sono state eseguite cinque delle tredici ordinanze di custodia cautelare, di cui due in carcere e tre ai domiciliari.

Gli indagati sono ritenuti affiliati alle cosche Arena e Nicosia di Isola Capo Rizzuto e accusati di aver intestato a prestanome, in modo illecito e fittizio, società, beni mobili e immobili, e di aver reinvestito capitali di illecita provenienza.

Sequestrati beni per circa 13 milioni di euro.

I DETTAGLI DELL'OPERAZIONE

L’accusa è di avere, in concorso tra loro e nel contesto di un medesimo disegno criminoso, illecitamente e fittiziamente intestato a prestanome, società, beni mobili ed immobili, con il reinvestimento di capitali di illecita provenienza, con l’aggravante di avere commesso i reati al fine di agevolare l’associazione mafiosa di riferimento. Nel corso dell’attività sono altresì state effettuate 30 perquisizioni locali.

L’operazione costituisce l’esito di due filoni di indagine svolte dai Carabinieri di Reggio Emilia (denominata Operazione “Zarina”) e Bologna (denominata Operazione “Aurora”), condotte rispettivamente da giugno 2010 ad ottobre 2011 e da novembre 2011 ad ottobre 2012, aventi per oggetto, in gran parte, gli stessi personaggi, pertanto coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia in un unico filone investigativo.

A Reggio Emilia l’indagine traeva origine, nel mese di giugno 2010, da una segnalazione della locale Camera di Commercio  e da un controllo dei carabinieri finalizzato a chiarire l’attività posta in essere da una società calabrese con sede operativa in Gualtieri e sede legale ad Isola di Capo Rizzuto (KR) che operavano nei trasporti. Come la “Autotrasporti Emiliana Inerti S.r.l. unipersonale”, il cui amministratore unico era Federico Periti. La successiva attività faceva emergere a monte di questa la figura di Michele Pugliese  elemento di spicco delle cosche ARENA-NICOSCIA. Il boss della ‘ndrangheta, colpito da sequestro di beni nell’ambito di precedente indagine antimafia convenzionalmente denominata “Pandora” (della D.D.A. di Catanzaro e della Squadra Mobile di Crotone del 2009) era riuscito a intestare società ed altri valori a lui riconducibili a prestanome di sua fiducia. Tra questi rileva, tra gli  arrestati nell’operazione odierna, Caterina Tipaldi, un tempo legata sentimentalmente a Pugliese, che i carabinieri di Reggio chiamavano da subito “zarina” per l’ascendente che aveva sugli altri indagati, dando il nome a quella parte di indagine.

A Bologna le attività vennero avviate, nel novembre 2011, dalla Compagnia di San Giovanni in Persiceto, a seguito dell’incendio di alcuni escavatori presso una cava della società “Lame 91”, con sede a Castel Maggiore, ma con attività di estrazione in Sala Bolognese, presso la quale risultavano

effettuare movimento terra alcune ditte calabresi.

Le indagini, proseguite dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Bologna, si sono poi concentrate in particolar modo ancora  sulla famiglia Tipaldi legata alle cosche ARENA  NISCOSCIA.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro