Quotidiani locali

Anche Spagna e Irlanda sul treno del Fuori Orario

GATTATICO. Quest’anno al Fuori Orario si parla spagnolo. Questo perché - come dicono i soci titolari del circolo Arci di Taneto di Gattatico «preferiamo la Spagna alla Germania della Merkel»....

GATTATICO. Quest’anno al Fuori Orario si parla spagnolo. Questo perché - come dicono i soci titolari del circolo Arci di Taneto di Gattatico «preferiamo la Spagna alla Germania della Merkel». Battute a parte, l’avvio di questa ventesima stagione presenta diverse novità e una di queste è proprio «un nuovo bar spagnolo, con bariste spagnole, un menù ad hoc al ristorante e proposte musicali che guarderanno in tale direzione, visto che ad esempio Jarabe de Palo è uno dei nomi clou, sul palco il 21 settembre», spiega Franco Bassi.

Le novità non finiscono qui. Daniele Magnani annuncia che «ci sarà una nuova squadra di deejay - fra gli altri, Gigi D’Agostino il 6 ottobre e Gabry Ponte il 13 – e ci sarà una postazione in più nella zona aperitivi-buffet». I concerti saranno un po’ meno rock. A seguire nomi importanti: Two Fingerz, duo lombardo elettro-rap; Punkreas, punk band italiana con 23 anni di carriera; Bandabardò, in una delle sole tre date nazionali prima di uno stop di due anni per il nuovo disco; Planet Funk, sull’onda del successo dell’album “The great shake”; l’ormai immancabile Vinicio Capossela (forse con una doppia data) e tanti altri. Immancabili le tribute band: Schegge Sparse aprono il 28 settembre con le musiche di Ligabue; Easy Cure il 31 ottobre con un tributo ai Cure; MerQury Band il 2 novembre col miglior clone di Freddie Mercury; 9 novembre musica dei Red Hot Chili Peppers coi RedHotribu; il 16 novembre degli U2 con gli Achtung Babies.

Si parlava del bar spagnolo ma «nuovo sarà anche il bar irlandese, con birre servite nei bicchieri di vetro». Poi arriverà un vagone ferroviario fuori dal locale a dimostrazione che «siamo un locale in continuo movimento» e dedicato alle vittime delle stragi ferroviarie. Sarà una vecchia litorina che faceva trasporto locale; proviene da Bondeno, luogo terremotato. E’ un caso? Ovviamente no, «l’attenzione alla solidarietà non manca mai». Diversi saranno infatti gli eventi pro-terremotati dell’Emilia.

Confermate le cene-incontro del mercoledì, «ma una volta ogni due settimane»: si parte il 26 con Paolo Bolognesi.

Cristina Fabbri

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Gazzetta di Reggio
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.