Quotidiani locali

Lega, l’Emilia passa a un “maroniano”

Il baricentro da Reggio a Parma: dopo 10 anni di Alessandri segretario, un congresso blindatissimo elegge Rainieri

Reggio perde la seggiola. E il baricentro - non soltanto quello geografico - ora si sposta a Parma. E’ maroniano e si chiama Fabio Rainieri, infatti, il nuovo segretario della Lega Nord Emilia a cui Angelo Alessandri (bossiano) ieri ha ceduto il testimone. Il parlamentare 44enne è stato eletto al congresso che si è tenuto all’hotel Classic in città, e si è guadagnato lo “scettro” forte dei suoi 173 voti contro i 93 incassati da Riad Ghelfi, lo sfidante 30enne segretario provinciale del Carroccio a Modena. Qualche ulteriore cifra: a scrutinio ultimato 14 schede sono risultate bianche e 25 nulle.

Rainieri, dunque, succederà al parlamentare reggiano Alessandri, segretario “nazionale” (dove per “nazione” i leghisti intendono l’Emilia) dal 2002, accusato dal suo ex vice Marco Lusetti (a sua volta espulso dal partito) di una gestione poco trasparente dei soldi del movimento. Accuse formalizzate in un esposto ma che Alessandri ha sempre rispedito al mittente.

Al termine di un congresso blindatissimo (nella sala del Classic ieri potevano entrare soltanto gli iscritti con diritto di voto), Rainieri ha portato a casa un risultato che i più davanto per scontato: presente a Reggio anche Manuela Dal Lago, uno dei triumviri che (accanto a Roberto Maroni) oggi sono chiamati a guidare la Lega fino al prossimo congresso federale, che dovrebbe svolgersi tra la fine di giugno e i primi giorni di luglio. «Sono orgoglioso di avere raccolto la fiducia dei militanti emiliani - ha detto Rainieri a elezione avvenuta -. Il legame con la mia terra da leghista e da agricoltore è fortissimo. Per questo motivo affronto questa nuova sfida con rinnovato entusiasmo e con la volontà di fare tornare a soffiare forte il vento del cambiamento sulla nostra terra». «Da quando sono stato eletto parlamentare - ha chiarito Rainieri - sono stato attaccato in ogni modo da chi ha cercato di fermarmi gettando fango su di me come persona prima ancora che come politico. E nemmeno l’archiviazione dei procedimenti con assoluzione in formula piena per “non avere commesso il fatto” ha fermato chi imperterrito continua a raccontare bugie e a inventare storielle sul mio conto. Ma questo non mi ha fermato».

«Sin da ora e al di là di quella che potrebbe sembrare mera retorica - ha aggiunto il neo eletto segretario nazionale -, voglio sottolineare che sarò il segretario di tutti. La nostra è una terra dalle mille potenzialità che, insieme, dobbiamo valorizzare. Il tempo delle divisioni è finito. Ci sono state difficoltà, è vero, ma adesso dobbiamo tornare a guardare avanti e a camminare insieme». E poi: «Ad Alessandri il ringraziamento per il lavoro svolto in questi anni e a Ghelfi l’invito a collaborare insieme per difendere la nostra terra». ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Gazzetta di Reggio
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.