Menu

Una nuova scenografia per il Corteo Matildico

Quattro Castella: un’altra novità in vista della manifestazione di domenica con la ricostruzione del castello di Bianello progettata da Federico Zannoni

QUATTRO CASTELLA. Un’altra importante novità annunciata per il 47esimo Corteo storico matildico ormai a una settimana dal giorno dell’appuntamento più importante dell’anno per Quattro Castella: in pensione i vecchi fondali scenografici che, domenica, giorno fissato per il Corteo, lasceranno spazio a nuovi realizzati anche grazie all’utilizzo delle più moderne tecnologie e soprattutto, in un momento di crisi generalizzata, con un occhio molto attento ai costi.

L’annuncio della novità arriva dopo quelli dei nomi dei protagonisti che impersoneranno Matilde ed Enrico V – quest’anno la cantante lirica Elena Rossi e il tastierista dei “Nomadi”, Beppe Carletti – e della suggestiva presenza durante il corteo di Tiki, magnifico esemplare di acquila reale canadese, che compirà un volo di quasi un chilometro tra il castello del Bianello e il campo matildico.

La realizzazione dei nuovi fondali è stata seguita da Federico Zannoni. L’esigenza di un rinnovamento è emersa fin dai primi incontri del nuovo Comitato Matildico.

Le nuove previsioni normative in materia di sicurezza e l’inutizzabilità dei vecchi fondali ormai logori e desueti hanno portato alla decisione di un rinnovamento.

Zannoni ha lavorato in collaborazione con lo sponsor tecnico del progetto, l’azienda Multigrafica di Cadelbosco di Sopra e lo studio Fotoreporter.

«Una scelta vincente – spiega l’assessore comunale al turismo Giacomo Bertani – per raffigurare con maggiore fedeltà storica il luogo dove avvenne nel 1111 l’incoronazione di Matilde di Canossa, i prati del Castello di Bianello».

«La nuova scenografia – prosegue Bertani – porterà una ventata di freschezza al Corteo. Ma è anche un elemento di convenienza perché tramite un montaggio snello e pratico delle strutture di supporto ci consentirà di risparmiare molte risorse e tempo rispetto alle scenografie del passato».

Chi ha avuto l'opportunità di vedere da vicino la nuova scenografia parla di un deciso salto di qualità della scena che accompagnerà la rievocazione castellese.

Il lavoro di realizzazione è cominciato mesi fa. Dopo un sopralluogo fotografico del territorio, effettuato da Zannoni e da Giorgio Movilli di Fotoreporter, è stato realizzato un primo bozzetto di progetto creativo del fondale realizzato dallo stesso Zannoni.

Progetto presentato alla giunta comunale che ha dato l’ok, passaggio preliminare necessario alla successiva realizzazione del progetto grafico esecutivo

realizzato con un apparecchio digitale Hasselblad dotato di sensori per grandi dimensioni.

Il progetto è stato poi trasformato in realtà.

Il sipario dunque si alzerà domenica, alle 17, orario di inizio della Cerimonia di incoronazione di Matilde a Vicaria imperiale.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro