Menu

BABY GANG
Ragazzini rubavano per gioco
denunciati undici studenti

Sono tutti incensurati gli undici studenti tra i 15 e i 20 anni denunciati per una quarantina di furti dai carabinieri di Campagnola Emilia. I ragazzi avevano dato

vita a una banda che rubava in cortili e garage di abitazioni, vetture in sosta, distributori di alimenti e poi spesso rivendeva a basso costo il bottino ad altri giovani. Parte degli oggetti rubati sono stati recuperati con le perquisizioni e restituiti dai carabinieri ai leggittimi proprietari
CAMPAGNOLA EMILIA. Sono tutti incensurati, di buona famiglia e hanno tra i 15 e i 20 anni. Undici studenti sono stati denunciati dai carabinieri per una quarantina di furti nella zona.

I ragazzini, per gioco, avevano dato vita a una banda che rubava in cortili e garage di abitazioni, vetture in sosta, distributori di bevande e alimenti e poi spesso rivendeva a basso costo il bottino ad altri giovani, anche compagni di scuola. Solo per fare un esempio, un'autoradio da 500 euro è stata ceduta per 20.

Tra gli oggetti rubati navigatori, canne da pesca, scooter, parti meccaniche di ciclomotori, ma anche una piscina gonfiabile e una gabbietta con una coppia di pappagallini (uno dei quali è morto, con grande dispiacere della proprietaria alla quale l'uccellino superstite è poi stato restituito).

I furti sono stati commessi tra marzo 2009 e luglio di quest'anno. Parte degli oggetti rubati sono stati
recuperati con le perquisizioni e quindi restituiti dai carabinieri ai leggittimi proprietari.

I carabinieri, con i quali i giovani hanno ammesso le loro responsabilità, non escludono che i 'colpi' messi a segno dalla baby gang possano essere molti di più rispetto a quelli accertati.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro