Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 7 dicembre 2017

Avvelenamenti da Tallio, arrestato il nipote delle vittime. A Venezia balli clandestini sotot il ponte di Calatrava. A Treviso Oscar ha addobbato casa con settantamila luci: un record. Le notizie di oggi dai quotidiani locali

Avvelenamenti da tallio, arrestato il nipote delle vittime
Udine. Arrestato con l’accusa di avvelenamento da tallio. Si tratta di Mattia Del Zotto, 27 anni, accusato di aver ucciso un’intera famiglia di origine friulana nel Monzese. Il giovane è ritenuto responsabile del triplice omicidio del nonno 94enne e di una zia 67enne (morti il 2 ottobre) e della nonna 83enne (morta il 13 ottobre). (Messaggero Veneto)

Quindicenne si uccide gettandosi da una roccia
Torreglia (Padova). Un adolescente di 15 anni si è ucciso nella serata di mercoledì a Torrreglia. Il suo corpo senza vita è stato trovato dai carabinieri della stazione di Abano Terme sul sentiero dei Colli di Monte Pirio. Era stata la mamma del ragazzo, una donna di 51 anni, a chiamare la stazione dei carabinieri per avvisare che il figlio si era allontanato da casa e che con un messaggio telefonico aveva avvisato di volersi uccidere. (Il Mattino di Padova)

Invalido e costretto a cercare un lavoro, a sessant’anni
Viareggio. Ha iniziato a lavorare a 14 anni. Prima nei bar, poi nell’edilizia, come manovale. Quasi vent’anni a spaccarsi la schiena trascinando su e giù per i cantieri cestelli e blocchi di cemento. Poi il suo corpo ha iniziato a non farcela più. Sono saltate fuori ernie, una stenosi, problemi alle anche. Ha cambiato lavoro. Ne a trovato uno nei cantieri navali come verniciatore. (Il Tirreno)

Urbs Picta, arriva la card per scoprire il Trecento. Patrimonio Unesco
Padova. Sarà pronta a febbraio ed avrà tre formati: due dedicati ai turisti e uno per i padovani. Arriva la "Urbs Picta Card", la carta turistica che consente l'ingresso agli 8 monumenti che fanno parte della candidatura padovana a patrimonio dell'umanità Unesco. Un passo fondamentale per ottenere il riconoscimenti, perché l'organizzazione internazionale ritiene un "pre-requisito" proprio l'accessibilità ai siti che compongono una candidatura multipla. (Il Mattino di Padova)

San Fior: settantamila luci di Natale per addobbare la casa, il nuovo record di Oscar
Treviso. Settantamila luci accendono quest’anno il Natale di casa Bontempo a San Fior. Ben quindicimila in più rispetto allo scorso anno. Vuole battere ogni record il pensionato 69enne che da moltissimi anni, circa una trentina, cioè da quando sua figlia era piccola, addobba casa e giardino con migliaia di luci coloratissime. Ma il primato che più interessa a Oscar Bontempo, ex elettricista, è quello dei moltissimi sorrisi che vede stampati sui volti dei bambini e delle persone che visitano il suo luogo incantato.

Il club dei “balli clandestini” sotto il ponte di Calatrava
Venezia.  Cosa hanno in comune le mazurke “segrete”, organizzate con il tam tam via cellulare, all’alba in Riva degli Schiavoni, in peschieria di Rialto o nel colonnato, lato stazione di Santa Lucia, vicino al ponte di Calatrava con le azioni anti-degrado in via Piave? La voglia di ballare e stare assieme. In serenità. (La Nuova Venezia)

Montagnana: salva un cane, giudice lo “premia”
Padova. È vero, era passato col rosso e aveva impegnato l’incrocio nonostante il divieto, facendo scattare la foto del Vista Red. Ma c’era un motivo valido: salvare la vita di un cane. Per questo Marco Suttini, giudice di pace di Rovigo, ha accolto il ricorso di Bruno Zampieron nei confronti del Comune di Montagnana. (Il Mattino di Padova)

Alluvione: petizione on line per istituire il 4 novembre la Giornata per le vittime
Grosseto. Nelle cerimonie e nei ricordi ufficiali passa spesso in secondo piano rispetto a quella di Firenze. Eppure l’alluvione del 4 novembre 1966 in Maremma è stato un evento non meno devastante, con una vittima e un territorio in ginocchio. Un territorio ancora oggi fragilissimo dal punto di vista idrogeologico, che ha continuato a soccombere sotto la forza dell’acqua. Tragica l’alluvione del 2012, in cui sono morte sei persone; e tragica la piena del 2014, che è costata la vita ad altre due persone. (Il Tirreno)

Dalla scuola del Fraschini ai film horror
Pavia. Ha 30 anni Alessandro Carnevale Pellino, l’attore pavese formato alla scuola della Fondazione Teatro Fraschini, che aveva già fatto parlare di sé quando ancora era un allievo diciannovenne (piccole parti in varie produzioni firmate dal civico teatro) e che ora ritorna in veste di attore “vero”, tra i protagonisti di un film horror. (La Provincia Pavese)

I Tre Re alla casa di riposo, gli chef preparano lo zabaglione
Ivrea. Si sono regalati una serata speciale,

giovedì scorso, gli ospiti della casa di riposo San Francesco di Rivarolo. Per la verità, il regalo l’hanno fatto a loro gli chef del ristorante Tre Re di Castellamonte, nome di prestigio per una storia nobilissima che si perpetua, ormai, da più di cent’anni. (Sentinella del Canavese)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista