Quotidiani locali

Catalogna, ultimo atto: «Sì all’indipendenza»

Festa nelle strade, ma premier spagnolo destituisce governo di Puigdemont. Rajoy: «Atto criminale. Verrà restaurata la legalità». Elezioni il 21 dicembre

Catalogna, Puigdemont dichiara l'indipendenza dopo il voto Un applauso ha seguito il voto del presidente catalano Carles Puigdemont. Dopo aver contato i voti il presidente del Parlamento Carme Forcadell ha annunciato l'indipendenza della regione con 70 voti a favore, 10 contrari e 2 astenuti

ROMA. La bandiera spagnola non sventola più con quella catalana sul Palazzo del “Parlament” di piazza Sant Jaume a Barcellona. Quando è stata ammainata migliaia di manifestanti secessionisti sono esplosi in un boato. All’interno del palazzo i deputati presenti cantavano l’inno “Els Segadors”, per poi urlare “Visca la Repubblica!”, ovvero “Viva la Repubblica!”. Avevano appena votato, con un atto unilaterale, l’indipendenza della Catalogna dalla Spagna. Governo commissariato. «Oggi il parlamento del nostro Paese ha fatto un passo lungamente atteso e combattuto. Continueremo nelle prossime ore in modo pacifico, con dignità e civismo responsabile», ha dichiarato il presidente del governo catalano Carles Puigdemont. Nel frattempo il Senato di Madrid approvava l’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione spagnola, che permette al governo centrale di commissariare quello regionale. Il premier Mariano Rajoy ha definito il voto di Barcellona un «atto criminale» e ha spiegato che «lo Stato reagirà con misura ed efficacia». E in conferenza stampa ha annunciato la destituzione di Puigdemont, degli uomini del suo governo e lo scioglimento del “Parlament” catalano, che andrà a nuove elezioni il 21 dicembre. Mosse che non «servono a sospendere l’autonomia, ma a far tornare la legalità», spiega Rajoy. La Procura generale spagnola è pronta a incriminare i vertici del governo destituito per ribellione. I capi della rivolta rischiano fino a trenta anni di carcere.

Catalogna, Rajoy sull'indipendenza: "Reagiremo con moderazione ed efficacia" Madrid reagirà "con moderazione ed efficacia". Lo ha detto il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy assediato dai cronisti pochi minuti dopo la dichiarazione di indipendenza da parte del Parlamento catalano. "La Spagna è un paese serio, è una grande nazione e noi non possiamo permettere in alcun modo che alcune persone pretendano di liquidare la nostra Costituzione" Video di El Paìs


Un dialogo tra sordi. Il solco scavato tra Madrid e Barcellona è il risultato di due mesi di muro contro muro tra il “Govern” di Puigdemont e il governo di Rajoy. A iniziare le schermaglie sono stati i catalani il 6 settembre, quando il “Parlament” ha approvato la legge per convocare il referendum per l’indipendenza, che prevedeva però una dichiarazione unilaterale di secessione dalla Spagna in caso di vittoria del sì. Una consultazione che, posta in questi termini, ha incontrato il veto immediato della Corte costituzionale iberica. Il primo ottobre, giorno del voto, si è consumato lo strappo. Con i seggi occupati dai manifestanti catalani al grido di “Voterem” e le forze dell’ordine di Madrid con i manganelli lucidi. Nel mezzo i Mossos d’Esquadra, la polizia catalana che ha deciso di non usare la forza contro i suoi cittadini. Alla fine della giornata anche Human rights watch ha definito «sproporzionata» la violenza usata dalle autorità spagnole, che nel giorno del referendum hanno ferito oltre novecento cittadini pacifici. La consultazione si è tenuta nel caos e nelle violenze, ma il risultato, raccolto dalle autorità catalane, è un plebiscito: 90% dei consensi per il sì. Il 10 ottobre Puigdemont ha chiesto al “Parlament” di votare l’indipendenza e di sospenderne al contempo gli effetti. Niente più che un gioco di prestigio, in attesa di una mediazione destinata a non arrivare. Il 21 ottobre Rajoy ha annunciato l’applicazione dell’articolo 155. La dichiarazione d’indipendenza è l’ultimo atto di un dialogo tra sordi.

Girona, bandiera catalana al posto di quella spagnola sulla sede del municipio Dopo l'annuncio da parte del Parlamento catalano dell'indipendenza dalla Spagna, sulla facciata del palazzo municipale di Girona è stata rimossa la bandiera spagnola: al suo posto, alcuni dipendenti hanno ammainato quella catalana, tra i boati della follaVideo: Twitter/La Gaceta Europea e Violencia Género TD


Gelo nell’Unione Europea. Nonostante l’europeismo dichiarato degli indipendentisti catalani, nell’Unione Europea è calato il gelo sulla dichiarazione d’indipendenza. «Non abbiamo bisogno di altre fratture», commenta il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. «Madrid resta il nostro unico interlocutore», gli fa eco il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Italia, Francia e Germania fanno sapere a stretto giro di non riconoscere la dichiarazione. Gli stessi segnali arrivano dagli Stati Uniti. Solo la Scozia mostra «rispetto e comprensione» per la decisione di Barcellona, senza spingersi fino al riconoscimento. L’unico Stato - considerato tale solo da Russia e Venezuela - che si dice pronto a prendere in considerazione l’opzione è l’Abkhazia.
Indipendenza Catalogna, Ciai: "Cori da stadio a Barcellona, ma non tutta la città fa festa" Il Parlament della Generalitat de Catalunya ha approvato la risoluzione che dichiara l'indipendenza unilaterale dalla Spagna e la costituzione della Repubblica catalana. Dopo il voto, a scrutinio segreto, gli indipendentisti hanno festeggiato in strada, nelle piazze, all'università. Ma al voto hanno partecipato soltanto i partiti indipendentisti, mentre popolari, socialisti e Ciudadanos hanno abbandonato l'aula prima dell'inizio. L'incognita è capire in che modo il governo di Madrid applicherà l'articolo 155, se con la forza oppure no. da Barcellona, Omero Ciai


©RIPRODUZIONE RISERVATA


 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista